Nelle giornate d’estate, al tramonto, l’obelisco bagnato d’ombra della Fontana dei Fiumi segna, come il compasso, di una meridiana immaginaria, lo scandire del tempo. E’ l’ora più bella di Piazza Navona. La storia si pastella, piega la sua imponenza, contrassegnata da una quinta teatrale di pietra, al pacioso romanesco incedere di famiglie, alle mamme che [...]